Autorizzo trattamento dati (informativa)
 
HOME
|
CHI SIAMO
|
PRODOTTI
|
INFORMAZIONI
|
BIBLIOTECA
|
ARTICOLI ERBORISTICI
|
ERBARIO
|
CONDIZIONI DI VENDITA
|
CESTINO
|
CERCA
|
CONTATTI
 
Nigella

Nigella

La Nigella, Nigella sativa, è una pianta erbacea annuale appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, chiamata anche Cumino nero per il colore scuro dei suoi semi.
Il nome di genere Nigella deriva dal diminutivo del nome latino niger = nero, e fu attribuito a questo genere di piante dal botanico francese Joseph Pitton de Tournefort, in riferimento proprio al colore scuro dei suoi piccoli semi di forma quasi piramidale, contenuti in una capsula che a maturità si apre liberando i semi.
Le foglie sono piccole e filiformi, i fiori delicati e molto ornamentali di colore variabile dal bianco, al lilla, blu e rosa.
La Nigella sativa è originaria dell'Asia minore e del Nord Africa, dove vegeta allo stato spontaneo; coltivata in Egitto, in Persia e nell'India, si è diffusa anche nell'Europa centrale e mediterranea dove si è naturalizzata, probabilmente sfuggendo alle coltivazioni orticole.

Proprietà e Indicazioni
La droga, cioè la parte di pianta dotata di proprietà officinali, è costituita dai semi e dall'olio che da essi si estrae, mediante spremitura a freddo. I semi contengono olio essenziale, saponine, polifenoli, acidi grassi, alcaloidi.
La Nigella sativa contribuisce a favorire l'espulsione dei calcoli urinari e vescicali e a prevenire la formazione di calcoli biliari e della vescica.
Per la ricchezza in acidi grassi polinsaturi, in particolare fino al 60% di acido linoleico (Omega-6) e la presenza di Thymoquinone, i semi di Nigella svolgono importanti effetti antiossidanti utili per contrastare l'azione deleteria dei radicali liberi, e rinforzano il sistema immunitario.
Un consumo regolare di Cumino nero sembra contribuire a ridurre la glicemia, proprietà che potrebbe rivelarsi utile come coadiuvante per prevenire il diabete di tipo 2.
Per uso esterno, l'olio estratto dai semi di Nigella, rinomato fin dai tempi dell'antico Egitto, è particolarmente indicato per le sue proprietà antinfiammatorie, purificanti, riequilibranti, calmanti, rigeneranti, tonificanti, antimicrobiche, per migliorare le pelli grasse e contrastare l'acne, mentre per le pelli secche è raccomandato in caso di pelle sensibile, irritata, screpolature, dermatiti, eczema, desquamazioni, psoriasi, infezioni micotiche, ustioni e scottature solari, prurito, e come lenitivo dopo trattamenti di radioterapia.
È utile per ridurre i fenomeni infiammatori della cute causati da stress, inquinamento, malattie, per favorire la cicatrizzazione delle ferite, e contro l'invecchiamento cutaneo.
L'olio di Nigella è indicato anche per rinforzare le unghie fragili, tonificare il cuoio capelluto e rivitalizzare i capelli opachi e spenti; ottimo anche come olio da massaggio per alleviare le tensioni muscolari.
La Nigella sativa è nota da lungo tempo in Oriente, dove i suoi semi sono utilizzati, solitamente polverizzati, come spezia dall'odore fortemente aromatico e dal sapore piccante e amarognolo, in particolare su pane e certi dolci. Per le sue proprietà salutari la Nigella è chiamata dai popoli arabi "Haba tabakè = semi benedetti".

Precauzioni d'uso
La Nigella deve essere adoperata con moderazione per uso interno, anche come spezia, in quanto gli alcaloidi in essa contenuti possono risultare tossici ad alte dosi.
Nigella



Condividi: