Consenso privacy
 
Home
|
Chi siamo
|
Prodotti
|
Informazioni
|
Biblioteca
|
Articoli
|
Erbario
|
Condizioni di vendita
|
Cestino
|
Cerca
|
Contatti
 
Dalla Newsletter del Maggio 2009
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

L'IGNAME SELVATICO: PER VIVERE MEGLIO LA MENOPAUSA E ALLEVIARE I DISTURBI FEMMINILI


Igname L'Igname, Dioscorea villosa, noto anche col nome di Wild Yam, è una liana con apparato radicale rizomatoso, che può raggiungere i 3 metri di lunghezza; appartiene alla famiglia delle Dioscoreaceae, che annovera diverse specie coltivate in molte regioni tropicali a scopo alimentare, per via dei tuberi ricchi di amido, che ricordano per la forma grosse patate dal sapore dolce.
La parola Igname deriva dal portoghese iñhame o dallo spagnolo ñame, entrambe originate dal senegalese nyam, che significa assaggiare, ma che in molte zone dell'Africa assume il significato di mangiare.

La specie che ci interessa in questo contesto, per le proprietà fitoterapiche, è solo la Dioscorea villosa, o Igname selvatico, che cresce nel Nord America dal Canada fino al Messico, dove già al tempo dei Maya e degli Aztechi era conosciuta come pianta medicinale dalle proprietà analgesiche, soprattutto dei dolori ovarici, mestruali e del parto.
In effetti la specie più utilizzata a scopo medicinale è proprio quella Messicana, che si è rivelata la più ricca di principi attivi ormono-simili.
I rizomi, lunghi e nodosi, forniti di tubercoli, sono raccolti in autunno prima della fioritura, e costituiscono la parte officinale della pianta, da cui si estrae un fitocomplesso ricco di fitormoni.
L'uso popolare attribuisce proprietà officinali ai tuberi radicali, la cui azione fitormonale, antinfiammatoria, antispasmodica e antireumatica costituisce un rimedio per contrastare i disturbi della menopausa, la dismenorrea e i dolori di tipo reumatico.

Moderne ricerche hanno convalidato queste proprietà, dovute al contenuto in diosgenina, sostanza identificata da ricercatori giapponesi nel 1936: è una saponina steroidea ad azione fitormonale, soprattutto progestinica, il cui uso, in associazione con fitoestrogeni forniti da altre piante, come la Soia, la Cimicifuga, il Trifoglio rosso, è utile per attenuare la sintomatologia che spesso accompagna il periodo della menopausa nella donna.
L'Igname selvatico è effettivamente una pianta molto utile per aiutare a vivere meglio la menopausa, poiché la diosgenina, essendo un precursore biologico del progesterone umano, fornisce all'organismo femminile fitormoni progestinici che bilanciano l'equilibrio ormonale, normalizzando il rapporto estrogeno-progesterone, e rendendolo simile a quello fisiologico.
Dioscorea villosaQuesto contribuisce a ridurre le vampate di calore e gli altri disturbi tipici della menopausa: la Dioscorea villosa migliora infatti il trofismo dei tessuti, sia della pelle sia delle mucose, rallentandone l'invecchiamento, e riduce la secchezza delle mucose vaginali che spesso si accompagna alla menopausa, che può comportare problemi per la vita sessuale, oltre a costituire un maggiore rischio di infezioni dell'apparato uro-genitale, come vaginiti e cistiti recidivanti.
L'Igname potenzia anche il trofismo dello scheletro e ne rallenta il processo degenerativo che favorisce la perdita di tessuto osseo, che col tempo può causare l'osteoporosi.

La sua azione fitoprogestinica può giovare anche in caso di mestruazioni dolorose, e come coadiuvante in altre disfunzioni dell'apparato genitale femminile legate a squilibri ormonali, come cisti ovariche, vaginiti, infiammazioni pelviche, infezioni recidivanti, dolori ovulatori, endometriosi.
In quest'ultimo caso in particolare si consiglia l'uso dell'Igname solo sotto il controllo del medico ginecologo, che valuti l'evoluzione del problema, eventualmente in associazione alle terapie farmacologiche.

Oggi la fitoterapia a base di ormoni vegetali è ormai riconosciuta come una valida alternativa per contrastare i disturbi e le complicanze dovute alla menopausa, in special modo quando, nonostante la presenza di disturbi anche importanti, la terapia ormonale sostitutiva non possa essere prescritta.
Ovviamente, proprio per la sua azione ormono-simile, il suo uso è assolutamente vietato in gravidanza e allattamento, oltre che nell'infanzia.

Dott.ssa Marina Multineddu

Trovate il nostro assortimento di Prodotti a base di Igname nelle sezioni:
Prodotti per la menopausa
Prodotti per i disturbi femminili

Condividi:


Indietro       Torna su