L'erboristeria.com della Dottoressa Marina Multineddu
 
Home
Chi siamo
Prodotti
Informazioni
Biblioteca
Articoli
Erbario
Condizioni di vendita
Cestino
Cerca
Link
Contatti
 
Newsletter

 Cerca prodotti
 Ricerca avanzata >>
Catalogo prodotti
Novità
Offerte
Acne e pelli impure
Alimenti biologici
Alito cattivo
Allergie
Aloe Vera e Arborescens
Ansia e insonnia
Anticellulite
Antiossidanti
Antirughe e anti-età
Argilla
Articoli da regalo
Bambini e neonati
Circolazione
Cistite, Calcoli
Colesterolo, Glicemia
Cosmetici
Cosmetici per il Make-up
Creme viso e corpo
Cura dei capelli
Cura del seno
Detergenti viso e corpo
Depurativi
Difese immunitarie
Dimagranti
Disturbi digestivi
Dolore e Articolazioni
Energetici e tonificanti
Erbe officinali
Fermenti lattici e Ferro
Germogliatori e Semi bio
Gravidanza, allattamento
Igiene orale
Igiene personale
Lesioni della pelle
Libri e ricettari
Massaggio e Relax
Memoria e Stress
Menopausa
Micoterapia - Funghi
Occhi e orecchie
Oli essenziali
Pelli sensibili
Pressione arteriosa
Problemi femminili
Problemi maschili
Prodotti biodegradabili
Prodotti della Sardegna
Prodotti dell'Alveare
Profumi e deodoranti
Profumi per ambienti
Repellenti per insetti
Ritenzione idrica
Sfera sessuale
Smagliature
Solari
Sport e attività fisica
Stitichezza e gonfiore
Tea Tree Oil
Tè e Infusi
Tisane
Tinture per i capelli
Tinture all'Hennè
Vie respiratorie
Vitamine e sali minerali

Dalla Newsletter del Settembre 2005
Tutti i nostri articoli
Versione stampabile

LA PRESSIONE ARTERIOSA E LE SUE ALTERAZIONI: IPERTENSIONE E IPOTENSIONE


La pressione arteriosaQuesto mese vorrei affrontare l'importante argomento della pressione arteriosa e delle sue alterazioni, poiché ricevo tantissime richieste di chiarimenti su questa materia, visto che il problema dell'ipertensione è molto diffuso. Inizialmente non ero molto propensa a trattarlo per una sorta di prudenza, per non generare cioè false speranze negli ipertesi cronici, che necessitano di terapia farmacologica quotidiana. In questi casi infatti la fitoterapia non è sufficiente a contrastare il problema in modo adeguato, soprattutto perché l'effetto sulla pressione alterata deve coprire le 24 ore, e i rischi che si corrono sospendendo i farmaci anti-ipertensivi per intraprendere un trattamento a base di sostanze naturali sono notevoli.
Esistono tuttavia dei casi (definiti border-line) di lieve ipertensione, per i quali il medico non ritiene opportuno, o non ancora opportuno, prescrivere una terapia, per cui è possibile intervenire con alcune piante che possono aiutare a regolare i valori pressori, rimandando talvolta anche di molto l'inizio della terapia farmacologica.

Ma vediamo prima qualche breve cenno sul sistema circolatorio del sangue, per cercare di capire che cosa è la pressione arteriosa e per quali cause essa si può alterare.
Tutti sappiamo che il sangue circola all'interno dei vasi sanguigni: le arterie che trasportano il sangue dal cuore alla periferia del nostro corpo, le vene che lo riportano al cuore (anche se nella circolazione cuore-polmoni la denominazione è diversa, ma non addentriamoci in troppi particolari che potrebbero confondere).
Lo scopo di questo trasporto del sangue è quello di far arrivare a tutti i tessuti del nostro corpo i nutrienti provenienti dall'intestino, l'ossigeno assorbito a livello polmonare, di eliminare l'anidride carbonica di cui il sangue stesso si carica circolando, di scaricare attraverso i reni i prodotti di scarto del metabolismo, e ancora di distribuire gli ormoni e le altre sostanze che regolano le funzioni cellulari; il sangue inoltre, circolando nel corpo, interviene nella sua termoregolazione (mantenimento della temperatura corporea ad un livello costante).

IpertensioneIl motore di questo movimento è il cuore, che costituisce la "pompa" che spinge il sangue sia verso la periferia che verso i polmoni, mentre il movimento inverso di ritorno avviene per la forza residua dovuta all'azione cardiaca, ma anche per una sorta di forza aspirante dovuta agli atti respiratori: i polmoni infatti durante la respirazione all'interno delle membrane pleuriche, esercitano una sorta di risucchio a causa della loro elasticità che tende a riportarli allo stato iniziale, dopo l'estensione provocata dall'espandersi della cassa toracica. Il movimento di ritorno del sangue dalla periferia verso il cuore è aiutato anche dalle valvole presenti nelle vene degli arti inferiori, dette valvole a nido di rondine per la loro forma, che impedisce al sangue di tornare indietro; il tutto accompagnato dalla contrazione muscolare della gamba e del piede, sotto il quale è presente una specie di spugna venosa, che viene "spremuta" ad ogni passo, ciò che imprime al sangue un'ulteriore spinta. Ecco perché è utile camminare per migliorare la circolazione del sangue, e perché viceversa stare in piedi fermi, a lungo, può causare problemi, così come l'uso di calzature dai tacchi troppo alti, che impediscono il corretto movimento del piede durante la deambulazione.
Poiché il trasporto delle sostanze deputate alla nutrizione e alla regolazione di tutto il nostro corpo è ovviamente di vitale importanza, il sistema circolatorio deve essere sempre in condizioni ottimali, perché sia efficiente e assolva il compito al quale è destinato. Le patologie alle quali esso può andare incontro possono mettere a rischio, a volte anche grave, la nostra salute.

Ma in che cosa consiste effettivamente la pressione arteriosa e che cosa stanno ad indicare i suoi valori? Tutti abbiamo sentito parlare di "pressione massima" e "pressione minima": la prima indica la pressione presente nelle arterie, originata dalla forza espulsiva del cuore e regolata dall'azione attiva delle arterie che, essendo elastiche, si adattano in modo da trasformare gli impulsi cardiaci intermittenti in una forza continua e costante, la pressione massima, appunto.
Il valore della pressione minima indica invece la resistenza che il sangue incontra nelle arteriole periferiche, ed è quindi un indicatore delle cosiddette resistenze periferiche.

Fra le patologie che possono interessare l'apparato cardiocircolatorio vi è l'ipertensione arteriosa, che consiste in un aumento dei valori considerati normali dalla scienza medica. In passato questi valori erano tollerati più alti, nel senso che si riteneva che fosse normale avere un aumento della pressione con l'aumentare dell'età.
Oggi si è visto invece che, per prevenire alterazioni a carico dell'apparato cardiovascolare, la pressione va mantenuta il più possibile bassa, compatibilmente col benessere dell'individuo. Oggi è considerato normale un valore pressorio massimo compreso fra 110 e 140 mm di mercurio, mentre per la pressione minima i valori considerati normali vanno da 70 a meno di 90, valore che è considerato già al limite, quindi da tenere sotto controllo. Naturalmente i valori normali sono sempre assolutamente individuali, ed è sempre bene controllare con regolarità la propria pressione, specie dopo i 40 anni, riferendo al proprio medico qualunque variazione anomala rispetto alla propria "normalità".

BiancospinoI motivi dell'ipertensione sono naturalmente molteplici: un cuore che pompa con forza eccessiva, a causa di stress emotivi, o perché stimolato da farmaci o da alterazioni della tiroide, o perché la sua muscolatura è ipertrofica e quindi troppo potente; ma anche le arterie ispessite e indurite dall'età, o ridotte di calibro per la presenza di placche di colesterolo, o il sovrappeso, contribuiscono ad aumentare lo sforzo che il sangue deve fare per scorrere, con conseguente aumento della pressione massima; un'alimentazione troppo ricca in sale, aumentando il volume dei liquidi circolanti può essere una causa di ipertensione, così come un consumo eccessivo di Liquirizia.

Naturalmente, in presenza di alterazioni il primo intervento da effettuare sarà sullo stile di vita, e soprattutto sull'alimentazione. Sarà consigliabile fare più movimento, meglio se uno sport non competitivo all'aria aperta quando possibile, adottando un'alimentazione sana e variata, povera in sale, utilizzando magari sale integrale, che a parità di quantità contiene meno sodio e una maggior dose di altri importanti sali minerali; aumentare la frutta e la verdura e diminuire i grassi, soprattutto quelli animali, dando la preferenza all'olio extravergine di Oliva spremuto a freddo; andrà anche ridotto l'uso di eccitanti quali tè, caffè, cacao.
La misurazione della pressione deve essere fatta in condizioni di tranquillità, quando l'organismo è a riposo; è consigliabile effettuarla due o tre volte di seguito, perché talvolta la nostra emotività fa salire il valore durante la prima misurazione.

Quando ci accorgiamo che la nostra pressione supera i livelli che il medico ha definito normali per il nostro organismo, naturalmente dobbiamo sottoporci a visite specialistiche, anche per escludere eventuali patologie di vario tipo, come ad esempio un'alterazione renale. Una volta effettuati tutti i controlli del caso e adottato uno stile di vita più sano, se l'alterazione della pressione, seppur lieve, permane e il cardiologo non ritiene di doverci prescrivere una terapia, possiamo cercare di intervenire con alcune piante, come ad esempio la Gramigna, il Biancospino, l'Aglio e l'Olivo.

AglioLa Gramigna ha un'azione diuretica, quindi riduce il volume dei liquidi circolanti, mentre il Biancospino è una pianta sedativa del cuore e del sistema nervoso centrale, il cui effetto ipotensivo si manifesta calmando il ritmo cardiaco e limitando lo stress che può essere causa di lieve ipertensione. Il Biancospino è indicato anche in caso di palpitazioni cardiache non patologiche, il cosiddetto "cuore in gola", che contribuisce a calmare, specie se associato al Magnesio.
L'Olivo svolge un'azione ipotensiva per vasodilatazione periferica, così come l'Aglio, che ha anche un'azione ipocoagulante e antiarteriosclerotica se consumato crudo, anche se in genere non è molto gradito.
In generale l'associazione di più piante ha un'azione più efficace, poiché interviene a diversi livelli, quindi è da preferirsi.

IpotensioneNaturalmente, così come le terapie farmacologiche anti-ipertensive, anche i trattamenti fitoterapici vanno effettuati di continuo, senza interruzioni, per non incorrere nuovamente in un innalzamento della pressione, posto che a tutt'oggi è impossibile rimuoverne le cause a tempo indefinito.

Vediamo invece com'è possibile intervenire sull'ipotensione, cioè sulla pressione eccessivamente bassa, che è caratterizzata da senso di spossatezza, affaticabilità, talvolta vertigini o calo della vista quando si passa dalla posizione distesa a quella eretta, senso di testa vuota. Può essere frequente d'estate, specie nelle giovani donne, a causa della vasodilatazione periferica dovuta al caldo. Quando l'ipotensione è di modesta entità e non è associata a gravi patologie organiche, può essere contrastata con l'uso di piante adattogene, quali il Ginseng, l'Eleuterococco e il Guaranà, che in genere producono risultati apprezzabili in breve tempo, eliminando il senso di spossatezza tipico di questo problema. La Liquirizia, il cui consumo eccessivo è controindicato per gli ipertesi, in caso di pressione bassa può essere invece consigliata, purché non se ne abusi e non se ne faccia un uso abbondante per troppo tempo.

Dott.ssa Marina Multineddu

Il nostro assortimento di Prodotti coadiuvanti per le alterazioni della pressione

Condividi:


Indietro       Torna su

Lerboristeria.com di CM Consulenze Sas (P.IVA 03190910921). info@lerboristeria.com - Copyright © 2000. Tutti i diritti riservati.
Testi e immagini presenti su questo sito appartengono a Lerboristeria.com o ai rispettivi proprietari. Ne è vietata la riproduzione in qualsiasi forma.
Vendita online in collaborazione con Erboristeria Aleanthos Srl (P.IVA 03057590923)